Come ChatGPT sta rivoluzionando la creazione di contenuti

Aggiornato: 2023-05-11
Come ChatGPT sta rivoluzionando la creazione di contenuti
Arriva ChatGPT, il potente chatbot lanciato da OpenAI che fornisce assistenza al copywriter in tanti modi diversi, generando idee, interi testi, segnalando le parole chiave su cui poter lavorare, migliorando la qualità di un testo, facendo traduzioni e molto altro ancora. Il chatbot va visto come un alleato e non un sostituto dell'essere umano, il quale dovrà restare al timone. Vediamo insieme come utilizzarlo.
Inizia a guadagnare soldi oggi.
Registrati gratuitamente

Indice

Che cos'è ChatGPT?

ChatGPT, letteralmente, è l’acronimo di Chat Generative Pre-trained Transformer, ed è un chatbot basato sull'intelligenza artificiale capace di rispondere a domande di follow-up, segnalare premesse sbagliate, rifiutare richieste contro la sua policy e ammettere di aver sbagliato.

Chi sono gli sviluppatori di ChatGPT?

I genitori di ChatGPT sono gli sviluppatori di una società, o meglio di un'organizzazione no profit, chiamata Open AI e che sviluppa AI collaborative col genere umano ed è sostenuta dal colosso Microsoft.

A cosa serve ChatGPT?

ChatGPT ha molte funzioni: può ordinare dei dati di una tabella o aiutare gli sviluppatori a programmare, correggendo eventuali errori di codice, ma la funzione più amata e più utilizzata è quella di creare contenuti tramite un sistema di domande (che possiamo considerare input) e di risposte (output) tramite cui l'essere umano dà indicazioni al bot.

ChatGPT è quindi un ottimo alleato per la creazione di contenuti e per fare web marketing e ottimizzazione SEO, ed è possibile utilizzarlo per i propri obiettivi, raccogliendo idee per i propri contenuti, per le proprie campagne di marketing, per ricevere assistenza nel digital branding, brand awareness e brand reputation, permettendo di creare contenuti di qualità che riportino le proprie idee e i propri valori, o i valori del proprio marchio. Tutto questo è possibile tramite conversazioni naturali che un utente può tenere con la chat, utilizzando poi le sue risposte.

Nonostante l'ascesa di questo potente strumento abbia causato molto "rumore" sul web, su una possibile "sostituzione dei copywriter", questo non accadrà, perché è stato concepito come assistente alla scrittura e come generatore di idee, e deve essere pilotato da un copywriter esperto. Al timone, quindi, ci sarà sempre un essere umano, un professionista abile ed esperto, che con questo strumento potrà risparmiare molto tempo.

La figura del copywriter si evolverà: il copywriter, o autore, costruirà veri e propri brief da inviare al chatbot tramite prompt e dovrà poi revisionare e perfezionare il contenuto, anche interrogando di nuovo ChatGPT. La nascita di questo strumento potrebbe spazzare via i copywriter meno preparati o con resistenze ad aggiornarsi, ma sicuramente può portare beneficio ad ogni copywriter che si aprirà con fiducia e curiosità a questa tecnologia.

Per i creatori di contenuti e specialisti SEO, questo potente e rivoluzionario strumento può aiutare a rimanere al passo con la concorrenza e aiutare a generare contenuti pertinenti e aggiornati. Rispetto ad altri sistemi simili, ma meno evoluti, ChatGPT può generare testi dalla lunghezza richiesta che siano naturali, coerenti e credibili.

Per la creazione dei contenuti, ChatGPT utilizza l'analisi del sentimento, in modo da sapere che tono di voce utilizzare nella scrittura.

Come funziona ChatGPT?

ChatGPT esiste grazie a un sofisticato modello di machine learning che le permette di apprendere in automatico tramite sistemi di intelligenza artificiale. ChatGPT è stata quindi addestrata tramite una grande mole di contenuti testuali presenti in rete ed è capace di seguire le istruzioni ricevute da esseri umani. ChatGPT può quindi costruire testi naturali e fluidi e comprendere una richiesta e il suo intento, in modo che il contenuto generato sia pertinente e quindi utile a chi ne ha chiesto la generazione.

ChatGPT dispone di una suite di strumenti che possono generare idee per creare contenuti utili ed efficaci, accattivanti, influenti. Questi contenuti sono quindi molto letti e i lettori si soffermano a lungo sul sito, e questo spinge Google e gli altri motori di ricerca a premiare il sito e le sue pagine con un buon posizionamento.

In che linguaggio è scritto ChatGPT?

ChatGPT utilizza l'elaborazione del linguaggio naturale (NLP) per generare contenuti ottimizzati per siti e portali. ChatGPT fa parte dei modelli GPT (Generative Pre-trained Transformer), che sono modelli di AI chiamati LLM (Large Language Model) basati sul machine learning, i quali analizzano un'enorme quantità di dati testuali per dedurre le relazioni tra le parole all'interno del contenuto, che proviene da forum online, libri o articoli web.

ChatGPT utilizza una tecnica di deep learning chiamata transformer che consiste nell'utilizzo di una rete neurale per analizzare e comprendere il reale significato di un contenuto.

Quale tipo di dati è stato utilizzato per addestrare ChatGPT?

Quale tipo di dati è stato utilizzato per addestrare ChatGPT?

ChatGPT fa parte degli InstructorGPT, modelli creati tramite il deep learning ma ottimizzati tramite l'intervento umano, mediante una tecnica nota come Reinforcement Learning From Human Feedback (RLHF).

Infatti, rispetto ad altri Instruct, l'ultima versione di ChatGPT è stata migliorata tramite l'intervento di supervisori umani, che hanno fornito domande e risposte che vengono utilizzate come dataset per migliorare il chatbot.

Come usare chatgpt?

Per utilizzare il servizio di ChatGPT è necessario collegarsi al sito chat.openai.com, andare su product, in alto nella pagine, e selezionare il richiamo alla voce "ChatGPT". Si può poi procedere all'iscrizione, o fare login tramite uno dei sistemi compatibili (per esempio il Google Account o Microsoft Account) e procedere con la prima conversazione. La bacheca è davvero molto semplice, snella e intuitiva.
Le domande che possono essere fatte a ChatGPT, e che generano interazione e conversazione, possono considerarsi un "prompt", che può essere una semplice frase o domanda, ma anche una richiesta altamente dettagliata.
La versione ChatGPT Plus ha invece tre tipologie di modelli:

  • Default (la più veloce);
  • Legacy (modello in comune con la versione free);
  • GPT-4 (in anteprima per gli utenti paganti).

Col piano gratuito, è possibile utilizzare ChatGPT 3.5, detto anche turbo, mentre coloro che pagano l'abbonamento per ChatGPT Plus accedono alla versione di ChatGPT 4, che ha il costo di 20 euro al mese.

ChatGPT può quindi compiere una serie di azioni sorprendenti:

  • rispondere a domande;
  • generare articoli, racconti, email e altri contenuti testuali privati o pensati per la pubblicazione;
  • tradurre un testo;
  • suggerire idee e aiutare in un brainstorming;
  • generare codice per affiancare gli sviluppatori o effettuare debug;
  • creare assistenti vocali;
  • creare chatbot e interagire con degli utenti, per agevolare processi di "on-boarding" o per dare servizi post vendita per fidelizzare;
  • offrire informazioni su qualsiasi argomento e fornire consigli;
  • fare il riassunto di un contenuto;
  • scrivere canzoni, poesie, sceneggiature cinematografiche.

Come creare contenuti con ChatGPT?

Per creare contenuti di qualità, dovranno essere di qualità i prompt inseriti, che devono fornire informazioni dettagliate in modo che la risposta del chatbot sia il più possibile accurata e vicina a ciò che si desidera.

Per esempio, se si desidera affidare a ChatGPT un articolo che parla di tendenze sui capelli corti per donne e ragazze di quest'anno o questa stagione, si dovrà suggerire al chatbot quali sono gli intenti dell'articolista, in modo che l'output emesso da chatgpt sia fedele a questi intenti e punti di vista: ad esempio, il copywriter potrebbe indicare a ChatGPT che il suo intento è quello di incoraggiare le lettrici a cambiare look, a osare e a sperimentare, e quindi l'output non deve essere un semplice elenco di opzioni di makeover. Questo approccio può essere replicato per qualsiasi tema di cui si desidera scrivere.

Inoltre, può essere di grande aiuto anche indicare il tono di voce indicando una persona autorevole e chiedere a ChatGPT di immaginare di essere quella persona per replicare il suo approccio. Per esempio, se si commissiona a ChatGPT un articolo legale, bisognerebbe indicare al bot sia quale sarà il pubblico sia quanto tecnico dovrà essere l'articolo elaborato, in modo che la generazione della risposta sia adeguata.

Esplora l'efficacia dei rilevatori di IA nell'identificare contenuti generati artificialmente.

Come utilizzare ChatGPT per la SEO?

Il mondo del giornalismo, della comunicazione e della SEO hanno visto in ChatGPT un prezioso alleato, capace di produrre articoli, descrizione prodotti e altri contenuti di pregio che consentono un notevole risparmio di tempo ai professionisti del settore.

La qualità dei testi prodotti da ChatGPT ha convinto molti specialisti della SEO ad utilizzare questo potente strumento per la propria professione, ma va tenuto presente che ChatGPT, riguardo alla correttezza delle informazioni, non è affidabilissimo, e richiedono un lavoro di verifica che può essere fatto solo da un essere umano esperto del tema.

Inoltre, il contenuto sarà di qualità se il prompt inserito sarà ricco di informazioni e dettagliato, e non è trascurabile il fatto che a volte un prompt fatto bene sia più lungo o quasi del contenuto che verrà generato e che richieda più o meno lo stesso tempo, ma questo flusso di lavoro può portare ad una qualità più elevata.

11 idee per utilizzare intelligenza artificiale e ChatGPT in modo profittevole:

  1. Generare una lista di parole chiave correlate a un argomento, sia a coda lunga che a coda corta. Questa funzione è già compresa in molti SEO Tools, che però spesso sono a pagamento. L'unico punto debole di ChatGPT è che è addestrato su dati che risalgono al massimo al 2021.
  2. Capire l'intento di ricerca di una query, scrivendo un prompt smiile a questo: "Qual è l'intenzione dell'utente dietro a questa query?"
  3. Riordinare e organizzare in gruppi le parole chiave: per esempio, è possibile usare un prompt come "raggruppa l'elenco di parole chiave in base alla loro rilevanza semantica" e utilizzare questi dati per organizzare le URL e le sotto-categorie del proprio sito, in modo da migliorare anche la SEO tecnica.
  4. Generare titoli H1, H2 e H3 di articoli ottimizzati rispetto alle parole chiave indicate. Un buon prompt potrebbe essere questo: Suggerisci titoli in base all'elenco di parole chiave riportato di seguito
  5. Generare una meta descrizione di 200 caratteri tratta da un testo fornito.
  6. Generare sottotitoli pertinenti a un testo. Un prompt efficace a questo scopo potrebbe essere "Suggerisci sottotitoli H2 al contenuto sottostante senza modificare il testo."
  7. Avere informazioni utili per costruirci attorno un articolo. Un esempio di prompt per questo scopo potrebbe essere "Genera delle domande correlate al tema delle città più ospitali della Toscana".
  8. Generare delle FAQ relative a un prodotto. In questo caso, il testo va revisionato e arricchito manualmente.
  9. Migliorare un contenuto esistente, nella forma e nell'ottimizzazione.
  10. Fare un riassunto di un contenuto, per esempio per la creazione di un e-book.
  11. Creare dei post per i social ricavati dal contenuto di un articolo.

4 Suggerimenti su come creare prompt efficaci per ChatGPT

ChatGPT, come già spiegato, funziona tramite prompt molto diversi tra loro, che vanno dalla richiesta di scrivere una ricetta alimentare alla richiesta si scrivere un codice, un articolo web ottimizzato SEO o di progettare una web app.

Prompt è diventato un concetto molto comune anche tra i non addetti ai lavori da quando è nata ChatGPT. Per utilizzare correttamente questo straordinario strumento, è utile creare prompt efficaci. Ecco alcuni consigli:

  1. essere molto specifici: ad esempio, se vogliamo che ChatGPT scriva un racconto, dobbiamo dare precisi dettagli su elementi della trama che per noi sono immancabili;
  2. usare domande legate tra loro, ognuna come richiesta di approfondimento rispetto alla risposta data alla domanda precedente;
  3. specificare il tono di voce richiesto o indicate un personaggio di cui volete replicare toni e posizioni;
  4. impostare la lunghezza, per evitare che produca del testo troppo breve o troppo lungo, e costringerci a impiegare del tempo per rielaborare il testo;
  5. specificare il formato del contenuto;
  6. sperimentare varie formulazioni per trovare i prompt che meglio rispondono a ciò che stiamo cercando.

A questo punto, basta solo premere invio e leggere e revisionare il contenuto creato da chatgpt.

I vantaggi di ChatGPT

Tra i vantaggi di chatgpt possiamo individuare i seguenti:

Velocità: oltre alla rapidità con cui i contenuti vengono generati, soprattutto dalla versione a pagamento, c'è la velocità dovuta al risparmio di tempo e di fasi nel lavoro di scrittura compiuto dal copywriter.

Personalizzazione: ogni prompt genera un contenuto diverso, irripetibile e quindi originale.

Plausibilità: visto il numero elevatissimo di fonti usate nell'addestramento, ChatGPT genera testi altamente naturali e credibili.

Supporto: ChatGPT è un grandissimo ausilio per la scrittura e la traduzione.

Risparmio economico: la versione gratuita di ChatGPT è comunque molto performante e permette di sostituire tool a pagamento, anche meno evoluti.

Semplicità di utilizzo: i prompt sono scritti in linguaggio naturale e non richiedono abilità da programmatore web.

Accuratezza: le risposte ai prompt sono estremamente accurate.

Memorizzazione dello storico: dentro al proprio account, si trova traccia delle precedenti conversazioni

I limiti di ChatGPT

ChatGPT 3 e le successive versioni hanno tanti vantaggi, ma anche tanti limiti che è opportuno conoscere. Tra i limiti di ChatGPT elenchiamo:

  • Criticità riguardo alla qualità, che dipende dalla qualità del prompt e dalla revisione che viene fatta dell'output grezzo.
  • Possibilità di errori: va tenuto presente che potrebbero essere scritte informazioni errate o contenenti errori di ortografia.
  • Possibilità di ridondanze nel contenuto: Chatgpt è prolisso e abusa di certe parole (come "infine" e "tuttavia").
  • Mancanza di creatività, se i contenuti vengono usati senza rielaborazione.
  • Blackout e momenti di sovraccarico per chi utilizza la versione gratuita.

Inoltre, è importante chiarire che ChatGPT è un supporto al copywriter ma non può sostituirlo. Ne cambia il ruolo, e richiede un copywriter specializzato che fa da pilota alla creazione di contenuti di qualità, i quali necessitano di una progettazione iniziale che solo un professionista può fare, e un'attenta revisione finale.

Per questo, non è prudente usarla per generare contenuti da zero, ma può essere un enorme aiuto a progettare il proprio piano editoriale.

ChatGPT: i potenziali pericoli

Quando si parla di intelligenza artificiale, si finisce sempre col parlare dei pericoli di un suo utilizzo errato. Come già detto, il suo utilizzo ha degli svantaggi, o meglio dei limiti, di cui è meglio essere a conoscenza in anticipo, e uno di questi è la possibilità di errore.

Utilizzare ChatGPT senza fare un'attenta verifica dei dati, per individuare possibili plagi involontari oppure la presenza di informazioni false (possibili nonostante i metodi massivi di apprendimento a cui il bot è stato sottoposto prima del lancio), può portare ad avere problemi professionali, perdita di credibilità e di contribuire al grave problema della diffusione di fake news.

Conclusione

Dal suo lancio, ChatGPT e OpenAI hanno destato un enorme interesse e sono stati gli argomenti più gettonati in tutti i social media, e non si tratta del solo entusiasmo dovuto a una novità.

Imparare a utilizzarlo è un modo per essere competitivi, perché si tratta di uno strumento innovativo che, grazie al suo modello di apprendimento, può permetterci in tempi brevissimi di ottenere le informazioni che ci occorrono per produrre testi efficaci sui più svariati argomenti, oppure ottimizzarli.

I tuoi commenti (0)
I redattori di Whitepress si riservano il diritto di rimuovere i commenti offensivi, che contengono parole volgari o che non siano pertinenti.

WhitePress sp. z o.o., con sede legale a Bielsko-Biała, via Legionów 26/28, tratta i vostri dati personali per finalità di marketing di WhitePress sp. z o.o. e di entità interessate a commercializzare i propri beni o servizi. Le finalità di marketing dei partner commerciali di WhitePress sp. z o.o. comprendono, tra l'altro, informazioni commerciali su conferenze e corsi di formazione relativi ai contenuti pubblicati nella sezione Knowledge Base.

La base giuridica per il trattamento dei dati personali dell'utente è lo scopo legittimo perseguito dall'Amministratore e dai suoi partner (articolo 6, paragrafo 1, lettera f), del RODO).

Gli utenti hanno i seguenti diritti: diritto di richiedere l'accesso ai propri dati, diritto alla rettifica, diritto alla cancellazione, diritto alla limitazione del trattamento e diritto alla portabilità dei dati. Per ulteriori informazioni sul trattamento dei vostri dati personali, compresi i vostri diritti, potete consultare la nostra Informativa sulla privacy.
Leggi tutto
  • Non ci sono ancora commenti su questo articolo.

WhitePress sp. z o.o., con sede legale a Bielsko-Biała, via Legionów 26/28, tratta i vostri dati personali per finalità di marketing di WhitePress sp. z o.o. e di entità interessate a commercializzare i propri beni o servizi. Le finalità di marketing dei partner commerciali di WhitePress sp. z o.o. comprendono, tra l'altro, informazioni commerciali su conferenze e corsi di formazione relativi ai contenuti pubblicati nella sezione Knowledge Base.

La base giuridica per il trattamento dei dati personali dell'utente è lo scopo legittimo perseguito dall'Amministratore e dai suoi partner (articolo 6, paragrafo 1, lettera f), del RODO).

Gli utenti hanno i seguenti diritti: diritto di richiedere l'accesso ai propri dati, diritto alla rettifica, diritto alla cancellazione, diritto alla limitazione del trattamento e diritto alla portabilità dei dati. Per ulteriori informazioni sul trattamento dei vostri dati personali, compresi i vostri diritti, potete consultare la nostra Informativa sulla privacy.
Continua a leggere
Articoli consigliati